home > informazioni > Azioni e attori della prevenzione > Preposto

 

 

 

 

 

 

 

AZIONI E ATTORI DELLA PREVENZIONE

Quali sono le azioni e chi sono gli attori che concorrono alla realizzazione della prevenzione nell'Ateneo.

 

 

 

PREPOSTO

 

Chi è

 

I preposti sono tutti i soggetti che hanno la responsabilità di una particolare articolazione della struttura e nell’ambito di questa provvedono e sovrintendono alla attuazione delle disposizioni del “Dirigente” della Struttura a cui rispondono, ovvero che coordinano operativamente all’attività svolte da altre persone.

 Riferimenti normativi

  • Articolo 12 – D. R. 565/98
  • Allegato III – D. R. 565/98

Che ruolo svolge nell'ambito della sicurezza

 

La funzione del preposto è quella sovrintendere alle attività e di vigilare sull’attuazione da parte dei lavoratori delle disposizioni e delle norme vigenti in materia di sicurezza e prevenzione. Tradizionalmente i compiti del proposto sono quelli di vigilare sull’attuazione e/o rispetto delle misure di sicurezza da parte dei lavoratori a lui subordinati o da lui coordinati.

 Riferimenti normativi

  •  Articolo 19 - D. Lgs. 81/2008

Che responsabilità assume rispetto alla legge

 

Il preposto risponde agli obblighi previsti dalla normativa vigente nell’ambito delle sue attribuzioni di competenza .

 Riferimenti normativi

  •  Articolo 19 - D. Lgs. 81/2008

Che cosa deve fare

 

Il preposto è tenuto a:

·          sovrintendere e vigilare sulla osservanza da parte dei singoli lavoratori dei loro obblighi di legge, nonché delle disposizioni aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro e di uso dei mezzi di protezione collettivi e dei dispositivi di protezione individuale messi a loro disposizione e, in caso di persistenza della inosservanza, informare i loro superiori diretti;

·          verificare affinché soltanto i lavoratori che hanno ricevuto adeguate istruzioni accedano alle zone che li espongono ad un rischio grave e specifico;

·          richiedere l'osservanza delle misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso di emergenza e dare istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato e inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa;

·          informare il più presto possibile i lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni prese o da prendere in materia di protezione;

·          astenersi, salvo eccezioni debitamente motivate, dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave ed immediato;

·          segnalare tempestivamente al datore di lavoro o al dirigente sia le deficienze dei mezzi e delle attrezzature di lavoro e dei dispositivi di protezione individuale, sia ogni altra condizione di pericolo che si verifichi durante il lavoro, delle quali venga a conoscenza sulla base della formazione ricevuta;
frequentare appositi corsi di formazione

  • Articolo 19 - D. Lgs. 81/2008

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

© - Servizio di Prevenzione e Protezione  2008

SPP@amm.uniud.it