home > informazioni > Azioni e attori della prevenzione > Direttore Generale

 

 

 

 

 

 

 

AZIONI E ATTORI DELLA PREVENZIONE

Quali sono le azioni e chi sono gli attori che concorrono alla realizzazione della prevenzione nell'Ateneo.

 

 

 

DIRETTORE GENERALE


 

Dott.  MASSIMO DI SILVERIO

Via Palladio, 8 - 33100 - UDINE

tel: +39 0432-556280, fax: +39 0432-556309

E-Mail: direzione.generale@uniud.it

 

Chi è

 

Il Direttore generale è il responsabile della legittimità dei provvedimenti amministrativi, del funzionamento degli uffici e dei servizi e dispone l'esecuzione delle deliberazioni degli organi di governo centrali e delle strutture. 

Che ruolo riveste nell’ambito della sicurezza

 

Il Direttore generale è membro decisionale della commissione di coordinamento per la prevenzione. Ai fini dell’applicazione delle norme prevenzionistiche, dirige e sovrintende le attività dell’Amministrazione centrale e rende esecutive le determine del Rettore e/o della commissione di coordinamento per la prevenzione. Il Direttore generale attua le direttive del Rettore e dei suoi Delegati per assicurare il raggiungimento degli obiettivi in tema di sicurezza e prevenzione previsti dai programmi di miglioramento. Vigila sulla attuazione di quanto deliberato e programmato e di competenza degli uffici dell’Amministrazione centrale. Nell’individuazione delle soluzioni strategiche e organizzative si avvale della consulenza del Servizio di prevenzione e protezione.

 Riferimenti normativi

  • Articolo 2, lettera l) – D.R. 565/98 

Che responsabilità assume rispetto alla legge

 

Il Direttore generale, ai fini delle norme prevenzionistiche e nell’ambito delle sue competenze, risponde agli obblighi del dirigente. 

 Riferimenti normativi

·         Articolo 18 – D.Lgs. 81/2008

Che cosa deve fare il Direttore generale

 

Il Direttore generale deve:

·          Agire in conformità al regolamento interno sulla sicurezza e al programma quadro per la gestione della sicurezza e prevenzione approvato dal Consiglio di Amministrazione;

·          Garantire per quanto di competenza l’applicazione del programma quadro (PQ) e dei relativi piani attuativi;

·          Garantire l’organizzazione delle risorse umane e strumentali delle strutture previste nel regolamento interno per la sicurezza e prevenzione (D.R. 565/98);

·          Dare attuazione alle procedure di sicurezza emanate con il regolamento interno per la sicurezza e prevenzione in materia amministrativa e gestionale;

·           Organizzare riunioni di coordinamento in materia di prevenzione anche su proposta del Responsabile del Servizio di prevenzione e protezione o del Medico Competente;

·          Curare in concorrenza con il Delegato del rettore alle risorse umane i rapporti con i sindacati richiedendo eventualmente l’intervento del Responsabile del Servizio di Prevenzione e protezione in qualità di consulente in materia;

·          Provvedere affinché gli addetti al servizio di prevenzione e protezione dispongano dei mezzi,  degli strumenti e del tempo necessari all’adempimento dei compiti loro attribuiti;

·          Sovrintendere alle attività attuative in materia di prevenzione e sicurezza di competenza degli Uffici dell’Amministrazione centrale verificando il rispetto delle procedure, delle disposizioni e delle attribuzioni e competenze previste dal regolamento interno per la sicurezza e prevenzione;

·           Provvedere, anche tramite il Servizio di prevenzione e protezione, all’informazione e formazione del personale in materia di sicurezza;

·           Proporre al Rettore, di concerto con il Responsabile del Servizio di prevenzione e protezione, la designazione degli addetti al Sistema di prevenzione d’Ateneo per l’Amministrazione centrale;

·          Sovrintendere alla stipula di contratti, convenzioni, capitolati affinché questi siano conformi alle disposizioni di legge in materia di sicurezza e prevenzione;

·          Sovrintendere sull’applicazione di quanto previsto dall’art. 26 D.Lgs. 81/2008 e dal titolo IV del D.Lgs. 81/2008 nei contratti d’opera e d’appalto gestiti dall’Amministrazione centrale;

·          Sovrintendere affinché i rapporti contrattuali con i vari soggetti definiscano chiaramente gli obblighi e le competenze reciproche in materia di sicurezza e prevenzione;

·          Sovrintendere la stipula di convenzioni con altri Enti nelle attività di ricerca, didattica, assistenza o servizio, affinché vengano introdotte le opportune garanzie in tema di sicurezza e prevenzione;

·          Fornire le direttive per l’introduzione e l’aggiornamento degli adempimenti amministrativi in materia di sicurezza e prevenzione di competenza degli uffici dell’Amministrazione Centrale e, per quanto di competenza, delle strutture periferiche;

·          Disporre, per il personale tecnico e amministrativo, affinché vengano presi i provvedimenti idonei a rispettare le prescrizioni di inidoneità sanitaria dei lavoratori segnalate dal Medico Competente;

·           Attivarsi, in caso di emergenza, per dare ogni possibile supporto politico, logistico e finanziario, al Responsabile della gestione delle emergenze e al Responsabile del Servizio di prevenzione e protezione;

·           Predisporre il piano di gestione della sicurezza (PGS) per l’Amministrazione centrale in conformità al programma quadro (PQ);

·          Svolgere tutte le funzioni in materia di sicurezza e prevenzione che ricadono sotto la responsabilità del Dirigente amministrativo previste dalla legge che non abbia espressamente delegato.

 Riferimenti normativi

·         Articolo 2, lettera l) – D.R. 565/98

·         Articolo 18 – D. Lgs. 81/2008

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

© - Servizio di Prevenzione e Protezione  2008

SPP@amm.uniud.it